Atalanta
Si torna in campo

Le due novità in vista del Sassuolo: niente ritiro prepartita e il ritorno di de Roon

I giocatori hanno potuto restare a casa alla vigilia della sfida che vedrà anche il ritorno in campo del numero 15 olandese

Le due novità in vista del Sassuolo: niente ritiro prepartita e il ritorno di de Roon
Atalanta 21 Settembre 2021 ore 09:30

di Fabio Gennari

L'Atalanta non è rimasta a dormire a Zingonia ieri sera e si ritroverà solo questa mattina nel suo quartier generale. I giocatori sono stati lasciati liberi di tornare a casa, il tempo del riposo è infatti importante tanto quanto quello dell'allenamento e dopo giornate intense e piene di viaggi, Gasperini ha deciso di allentare un po' la presa. Settimana scorsa, giocatori e staff sono rimasti due notti a Castelleon (lunedì sera e martedì notte dopo la partita con il Villarreal, ritorno a Bergamo completato mercoledì prima di pranzo), da Salerno la comitiva orobica è tornata in piena notte (via Napoli) domenica.

Dal punto di vista degli allenamenti, Toloi e compagni hanno lavorato sia domenica che ieri per la rifinitura, oggi ci sarà una leggera seduta mattutina in cui saranno registrate come sempre le ultime situazioni prima di scendere in campo con il Sassuolo al Gewiss Stadium (ore 20.45). La formazione potrebbe essere decisa in modo definitivo proprio in queste ore, qualche ballottaggio c'è, ma scopriremo le scelte solo sul terreno di gioco a ridosso della partita.

Di certo, dopo quattro turni di squalifica passati a soffrire per i compagni sugli spalti, tornerà in campo Marten de Roon. Il numero 15 olandese farà il suo esordio stagionale in campionato dopo l'assaggio di settimana scorsa con il Villarreal. Mai era capitano a de Roon di stare fuori così a lungo in Serie A, ma è importante ricordare che dopo il rosso contro il Milan dell'ultima giornata di campionato 2020/21 è stato lo stesso giocatore a chiedere di non fare ricorso. Le quattro giornate furono comminate per l'atteggiamento duro tenuto con il direttore di gara Mariani, oltre che per il colpo rifilato a Krunic: de Roon ha capito di aver sbagliato e ha voluto pagare fino in fondo.

Anche se in Champions League il primo gol avversario è nato da un suo errore in disimpegno, l'importanza di de Roon nello scacchiere di Gasperini non è minimamente in discussione. Con lui in campo la Dea migliora in aggressività e in intensità, vicino a Freuler il rendimento è sempre molto alto (per entrambi) e ora all'olandese manca solo di riprendere velocemente il ritmo partita: da qui alla prossima sosta ci sono ancora quattro gare con Sassuolo, Inter, Young Boys e Milan, scontato pensarlo in campo sempre dal primo minuto.