Coronavirus

Quarantena finita per la Dea, Sportiello unico positivo al Covid-19

Venerdì 27 è terminato l'isolamento di sicurezza imposto a tutti i giocatori dopo la sfida con il Valencia

Quarantena finita per la Dea, Sportiello unico positivo al Covid-19
28 Marzo 2020 ore 09:00

di Fabio Gennari

Da oggi, 28 marzo, i giocatori dell’Atalanta sono nelle stesse condizioni di tutti noi. La quarantena iniziata lo scorso 12 marzo è terminata ieri, 27 marzo, per tutto il gruppo a disposizione di Gasperini, a eccezione di Marco Sportiello, che resta l’unico giocatore del gruppo nerazzurro colpito da Covid-19colpito da Covid-19. Per il numero 57 della Dea il percorso sarà un po’ più lungo, ma il peggio sembra passato e ci si attende un miglioramento costante nei prossimi 7-10 giorni. Negli ultimi giorni è montata polemica perché secondo una convinzione molto diffusa alcune categorie, tra cui i calciatori, avrebbero avuto accesso facilitato ai tamponiaccesso facilitato ai tamponi e quindi una diagnosi veloce di positività.

Dalle informazioni che abbiamo raccolto, in casa Atalanta la situazione è assolutamente lineare. Negli ultimi 15 giorni, e in generale dopo la sfida di Valencia, nessun giocatore è stato sottoposto a tampone per Covid-19 tranne Sportiello. Per il ragazzo cresciuto nel settore giovanile si è deciso di procedere dopo la manifestazione di sintomi importanti che sono stati confermati dagli esami ospedalieri cui è stato sottoposto venerdì 20 marzo. La positività è stata comunicata il 24 marzo quando Sportiello era già in isolamento nella propria abitazione. Sono stati giorni complicati, i sintomi della malattia si sono manifestati pienamente (compresa perdita dell’olfatto e del gusto) ma ormai il peggio è passato e il portiere degli orobici è sulla via del recupero.

L’approccio usato dai sanitari nerazzurri è perfettamente in linea con le indicazioni dell’Iss (Istituto Superiore Sanità), non sono stati fatti tamponi a tutti come ad esempio avvenuto alla Juventus e tra i giocatori l’unico ad aver manifestato sintomi importanti è stato appunto Sportiello. Da oggi i giocatori non saranno più in quarantena ma ovviamente i limiti di spostamento valgono anche per loro. Resta da capire chi rimarrà o meno a Zingonia e chi invece si riunirà alla famiglia, ma il momento più pericoloso dopo Valencia sembra passato.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia