Scade il 2 settembre

Pubblicato il bando per la gestione dei rifiuti a Bergamo: più raccolta differenziata e controlli

Si valuterà il miglior rapporto qualità-prezzo, nel frattempo il servizio continuerà a essere svolto da Aprica-A2A in regime transitorio

Pubblicato il bando per la gestione dei rifiuti a Bergamo: più raccolta differenziata e controlli
Pubblicato:
Aggiornato:

Il primo luglio, il Comune di Bergamo ha pubblicato il bando per affidare il servizio di gestione dei rifiuti urbani e servizi accessori di pulizia. Attualmente, il servizio è svolto da Aprica-A2A che, fino all’individuazione del nuovo gestore, continuerà ad occuparsi della raccolta dei rifiuti e dell’igiene del suolo in regime transitorio.

Il bando

L’importo posto a base di gara è di 21 milioni di euro all'anno (somma a cui andrà applicato il ribasso proposto in fase di aggiudicazione di gara) per un appalto di sette anni, con la possibilità di rinnovare il contratto per ulteriori due anni. Gli operatori che parteciperanno alla gara avranno tempo fino al 2 settembre per presentare le loro offerte ed il criterio di aggiudicazione sarà quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, che valuterà il miglior rapporto qualità-prezzo. Il bando si può trovare online sul sito del Comune a questo link.

Obiettivo aumentare la differenziata

Bergamo, secondo i dati forniti da Palazzo Frizzoni, da anni si conferma tra i capoluoghi di provincia con un livello di raccolta differenziata in continua crescita: nel 2023 sono stati raggiunti i 77 punti percentuali. Il tributo Tari, inoltre, è il secondo più basso in Lombardia e il quinto più economico in Italia tra i capoluoghi di provincia.

Nel corso dell’ultima indagine di “customer satisfaction”, l’indice di gradimento riconosciuto dai cittadini è stato alto (8 su 10) , ma il bando di gara appena pubblicato mira a raggiungere risultati ancora più soddisfacenti, anche in termini di riduzione dell’impatto ambientale. Sarà compito del nuovo gestore far sì che la percentuale di raccolta differenziata complessiva raggiunga infatti l’80 per cento entro il secondo anno solare dall’attivazione del servizio, oltre che il conseguimento degli obiettivi previsti dal Piano regionale dei rifiuti.

Verrà mantenuto il sistema di sacchi codificati per la raccolta della frazione indifferenziata, così come per la frazione degli imballaggi in plastica, funzionale ad un tendenziale avvicinamento alla raccolta puntuale.

«Gli obiettivi che l'Amministrazione comunale si pone sono rilevanti - ha dichiarato l’assessore all'Ambiente Oriana Ruzzini -, richiedono migliorie e investimenti adeguati come la razionalizzazione della raccolta porta a porta con un calendario più omogeneo e intensificato rispetto a quello attuale, con particolare attenzione alla raccolta su strada per gli esercizi commerciali, e un incremento del numero degli ispettori ecologici». Verranno poi ottimizzati e intensificati servizi già attivi come la pulizia delle caditoie, la pulizia dei laghetti nelle aree verdi e delle aree cani.

Gli oneri del gestore

Il gestore dovrà mettere a disposizione del Comune un Sistema informativo duale di gestione dei dati, vale a dire un sistema di controllo a cui si potrà accedere da remoto, in qualsiasi momento, per la consultazione di tutte le informazioni necessarie al controllo dei servizi effettuati. Tra i diversi vantaggi legati all’introduzione di questo sistema, ci sono il controllo sulla tracciabilità dei rifiuti, il monitoraggio dello svolgimento di tutti i servizi richiesti e la gestione delle segnalazioni e dei reclami da parte dell'utenza.

Sarà a carico del nuovo appaltatore la gestione dei progetti presentati dal Comune e che hanno ottenuto il finanziamento Pnrr-Next Generation Eu, come il nuovo centro di raccolta e il nuovo centro del riuso, che sorgeranno nelle vie Zanica e Cremasca, di cui la progettazione è in fase di ultimazione. L’appaltatore dovrà inoltre occuparsi dello svuotamento e manutenzione ordinaria e straordinaria dei nuovi contenitori intelligenti compattanti, per la raccolta della carta e dell’indifferenziato, e dei cestini per la raccolta dei Raee (gare in corso), oltre che delle ecoisole interrate informatizzate per la raccolta differenziata (in fase di progettazione), sempre finanziati con risorse europee.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali