Attualità
La campagna va veloce

Vaccinazioni anti-Covid, per la Lombardia è record. I dati bergamaschi Comune per Comune

Letizia Moratti annuncia per oggi (29 aprile) 110mila somministrazioni. La nostra provincia fa numeri migliori di Milano e Brescia. L'infografica per vedere la situazione in ogni paese

Vaccinazioni anti-Covid, per la Lombardia è record. I dati bergamaschi Comune per Comune
Attualità 29 Aprile 2021 ore 15:54

Nel giorno in cui la vicepresidente regionale Letizia Moratti annuncia il raggiungimento di quota 110mila somministrazioni quotidiane, dopo le 92mila di ieri (28 aprile), è ancora Bergamo a prendersi la scena. La nostra provincia è infatti passata dal 19,61% di popolazione che ha ricevuto almeno la prima dose (20 aprile) al 26,82% di ieri, 28 aprile. Un aumento che ha portato la Bergamasca a superare Brescia, ferma al 26,17%, e Milano, a quota 24,27%.

Questi risultati sono indubbiamente merito del grande lavoro svolto nelle ultime settimane da Ats e Asst, che hanno costantemente alzato l'asticella e "oliato" la macchina vaccinale, arrivando a toccare lunedì 26 aprile il record di tredicimila somministrazioni (tanto che anche la Moratti aveva fatto pubblici complimenti) e, tra oggi e domani, addirittura le sedicimila somministrazioni attraverso il sistema Poste, a cui vanno aggiunte altre duemila vaccinazioni circa effettuate con i canali esterni al sistema di prenotazione regionale.

I Comuni bergamaschi più vaccinati

Andando a vedere la situazione nei vari Comuni bergamaschi, il più vaccinato resta Valgoglio, con il 61,44% della popolazione che ha ricevuto almeno la prima dose. Si tratta della seconda migliore performance su scala regionale, dietro soltanto a Viggiù, che è al 69,23% ed è uno dei Comuni che a febbraio fu "chiuso" per l'altissimo numero di contagi. Restando nella nostra provincia, dietro Valgoglio le percentuali di popolazione vaccinata più alta le registrano i Comuni situati al confine con la provincia di Brescia, quelli che la Regione aveva inserito nel cosiddetto "cordone sanitario" creato per bloccare, tra febbraio e inizio marzo, l'avanzata delle varianti: si va dal 45,61% di Parzanica al 31,65% di Torre Pallavicina.

Bergamo, Treviglio e i Comuni meno vaccinati

Nella classifica provinciale, il capoluogo è situato nella metà alta della classifica: Bergamo al momento ha il 29,48% della popolazione che ha ricevuto almeno la prima dose, quando il 20 aprile era ferma al 23,09%. Importante anche la crescita fatta registrare da Treviglio, passata dal 21,52% di una settimana fa all'attuale 29%. In questa speciale graduatoria, i Comuni bergamaschi meno vaccinati risultano essere, al momento, Vigolo (14,55%), fanalino di coda, e Chignolo d'Isola (15,99%).