Coronavirus

Al Papa Giovanni formati 2300 operatori per assistere i malati. Iniziati i trasferimenti dei pazienti

Al Papa Giovanni formati 2300 operatori per assistere i malati. Iniziati i trasferimenti dei pazienti
15 Marzo 2020 ore 09:50

Sono oltre 2300 le persone e gli operatori sanitari di altri reparti che Papa Giovanni XXIII si stanno mettendo a disposizione per assistere i pazienti positivi al Coronavirus seguendo corsi di formazione interna all’ospedale.

I numeri dei contagiati nella nostra provincia, infatti, sono impietosi e danno solo in parte l’idea della gravità dell’evolversi dell’epidemia. Nella Bergamasca, le persone positive al Covid-19 hanno toccato quota 2864, con un aumento tra venerdì 13 e sabato 14 marzo di 496 persone. Un incremento decisamente alto rispetto a quelli dei giorni precedenti, da ricondurre molto probabilmente all’accumulo dei tamponi nei laboratori di analisi. Da giovedì a sabato, invece, le vittime sono salite a 261, 70 in più in due giorni.

«I nostri medici, infermieri, tecnici si continua a combattere contro l’emergenza in un’autentica lotta contro il tempo – evidenzia Maria Beatrice Stasi, direttore generale dell’Asst Papa Giovanni XXIII -. Siamo arrivati ad attivare 80 posti di terapia intensiva e 350 posti di ricovero fra l’ospedale di Bergamo e quello di San Giovanni Bianco, esclusivamente per pazienti positivi al Covid-19. La possibilità di creare ulteriori posti è subordinata alla disponibilità di personale, soprattutto infermieristico, perché i nuovi ingressi attraverso i canali di reclutamento attivati dalla Asst e da Regione, seppur con un enorme sforzo organizzativo e assoluta tempestività nelle procedure, non ci consentono al momento di ampliare ulteriormente la capacità assistenziale».

Nel frattempo, in collaborazione con la centrale operativa regionale, sono iniziati i primi trasferimenti di pazienti che da giovedì a oggi (domenica 15 marzo) consentiranno di collocare in altre strutture 39 persone ricoverate al Papa Giovanni. L’attività di trasferimento dei degenti in strutture nel bresciano e nel milanese ha preso il via anche negli ospedali dell’Asst Bergamo Est, così da allentare la pressione e liberare posti letto nelle strutture di Seriate, Alzano Lombardo, Piario e Lovere. Nel consueto punto stampa serale, l’assessore regionale al welfare Giulio Gallera ha anche confermato l’invio con un volo militare di due pazienti bergamaschi in gravi condizioni al Civico di Palermo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia