le ultime dalla regione

Continua il calo del numero dei contagi. A Bergamo 9931 positivi, 63 in più rispetto a ieri

Continua il calo del numero dei contagi. A Bergamo 9931 positivi, 63 in più rispetto a ieri
08 Aprile 2020 ore 17:05

Anche oggi (mercoledì 8 aprile) il trend dei contagi continua ad essere in calo, come confermato dall’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera nel corso della consueta conferenza stampa pomeridiana da Palazzo Lombardia. Complessivamente in provincia di Bergamo si contano 9931 positivi al Coronavurus, 63 casi in più di ieri (un dato in linea con ieri quando l’aumento era stato di 53 persone).

In Lombardia sono invece 53414 le persone positive al virus (1089 in più rispetto a ieri, il giorno precedente l’incremento era stato di 791 persone). «Questo dato in proporzione ai tamponi elaborati però migliora rispetto a ieri – commenta Gallera -. Mercoledì ne avevamo processati oltre 4 mila, oggi ne sono stati analizzati 8226». I pazienti ricoverati sono 11719 (114 in meno rispetto a ieri) un dato che continua ad essere in calo per il terzo giorno consecutivo. A questi si devono aggiungere 1257 contagiati in terapia intensiva (48 in meno rispetto a ieri). Aumentano ancora le vittime, con 9722 decessi registrati, di cui 238 nelle ultime 24 ore (in leggera diminuzione rispetto al giorno precedente, quando ne erano avvenuti 282). «E’ chiaro che dovremo cambiare le nostre abitudini di vita per evitare altre ondate ma dobbiamo far tesoro di quello che abbiamo vissuto ed essere contenti dei risultati che sono sempre più vicini grazie agli sforzi fatti – sottolinea l’assessore al Welfare – Per questo è fondamentale restare a casa anche a Pasqua. Il traguardo è vicino, dobbiamo restare a casa ancora qualche giorno. Questa battaglia la si vince solo in questo modo».

«Paragoni tra la situazione che abbiamo vissuto in Lombardia e ciò che si è verificato in altre regioni non sono minimamente possibili, a causa della diversa modalità di diffusione del virus – commenta Gallera -. Per 21 giorni, da fine gennaio al 22 febbraio, il virus è girato indisturbato. Abbiamo vissuto un’onda d’urto che, fortunatamente, ha risparmiato le altre regioni».

Seguono aggiornamenti

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia