Cronaca
l'incidente

Casnigo, altro grave infortunio al lavoro: ustionato un camionista di 49 anni

Per soccorrere l'uomo è decollato anche l'elisoccorso da Bergamo

Casnigo, altro grave infortunio al lavoro: ustionato un camionista di 49 anni
Cronaca Val Seriana, 11 Agosto 2021 ore 07:00

Oggi, martedì 10 agosto, è una giornata nera per la Bergamasca: a circa due ore di distanza dall’incidente mortale sul lavoro avvenuto alla Toora di San Paolo d’Argon, dove è morto un giovane di 36 anni, un secondo lavoratore è rimasto gravemente ferito.

Questa volta l’infortunio è avvenuto a Casnigo, alla Radicifil di via Europa: coinvolto un camionista di 49 anni, originario della provincia di Varese, che è stato investito dal liquido acido che stava sversando dalla cisterna. L’allarme è scattato intorno alle 11.45: il quarantanovenne è rimasto ustionato su diverse parti del corpo, gambe, tronco e braccia.

Per soccorrere l’uomo, in codice rosso (gravità massima), sono intervenute un’ambulanza della Croce Verde di Colzate, un’automedica e si è alzato in volo anche l’elicottero, decollato da Bergamo. L'autotrasportatore è stato trasferito d'urgenza al Papa Giovanni XXIII.

«Purtroppo oggi la nostra provincia è interessata nuovamente da due gravi infortuni, di cui uno mortale - commenta Danilo Mazzola, della segreteria Ust Cisl di Bergamo -. È un'emergenza che non ha fine. La Cisl da mesi denuncia l'esigenza di più controlli nei luoghi di lavoro, andando a potenziare gli organismi di controllo per certificare le imprese che mettono la salute e la sicurezza come condizione primaria nel compito delle proprie attività. La vertenza nazionale aperta da alcuni mesi va rilanciata con maggiore determinazione».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter