assurdo

Condannato a 11 anni per violenze contro la moglie, scalcia e scatena il caos in Tribunale

Lei lo incontrò per riprendere le sue cose e annunciargli di essersi rivolta a un avvocato per la separazione, lui la costrinse a un rapporto

Condannato a 11 anni per violenze contro la moglie, scalcia e scatena il caos in Tribunale
Pubblicato:
Aggiornato:

Ha confermato proprio in aula la sua «indole incline all'uso della forza» descritta nella sentenza, il 36enne di Casirate d'Adda condannato a undici anni di carcere (dove già si trova) per violenza sessuale e maltrattamenti alla moglie. Anni che sia aggiungono agli otto che aveva già iniziato a scontare per quattro rapine a mano armata.

Calci in tribunale

L'imputato, infatti, non appena ha sentito pronunciare la sentenza ha sferrato un calcio all'indietro alla sedia su cui era seduto, spaccandola. A raccontare l'assurda scena avvenuta in Tribunale a Bergamo è il Corriere, che sottolinea come, per bloccare l'uomo, siano serviti più agenti.

Il numero di anni, che supera anche i nove chiesti dal pm, è stato dettato dal fatto che le giudici gli hanno negato la concessione delle attenuanti generiche chieste dal difensore. Quest'ultimo aveva invocato l'assoluzione dall'accusa di violenza sessuale e il minimo della pena per gli episodi di maltrattamenti e lesioni.

La violenza

I fatti risalgono a un anno fa, quando a maggio lei decise di accettare un incontro sessuale con il marito, assecondandolo nei messaggi. Il vero obiettivo della donna era però recuperare le proprie cose in auto e avvisarlo che si era rivolta a un avvocato per la separazione. Lui però, una volta messo al corrente dalla moglie delle sue reali intenzioni, le tappò la bocca con dello scotch e poi la picchiò. La sentenza fa riferimento poi a un coltellino puntato al collo prima del rapporto sessuale.

La donna ha raccontato di aver poi deciso di assecondare l'uomo per paura e così da poter poi chiedere soccorso senza ricadere i nuove violenze.

«Quando esco l'ammazzo»

La conferma della tossicità del rapporto tra i due era in realtà già emersa al termine del processo di metà giugno riguardante le rapine a mano armata, nelle quali anche la donna aveva avuto un ruolo tanto da essere condannata a due anni, cinque mesi e dieci giorni. In quell'occasione il 36enne, convinto di essere stato scoperto, perché tradito da lei, aveva dichiarato: «Quando esco ammazzo quella e poi mi consegno».

Commenti
Bea

Diciamo a tutti il nome, TUTTI DEVONO SAPERE IL NOME DI QUEL ELEMENTO

Aldo

Un personaggio rispetto al quale vanno insegnate alcune cose utilizzando strumenti particolari

Cristina Piazzalunga

Io a un soggetto così, gli taglierei le parti basse.

Andrea72

Mi sarebbe piaciuto incontrare questo soggetto in giro, per parlare...a mani nude....

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali