Le indagini

Incidente di Antegnate, rintracciato il camion che ha investito Michele

Gli inquirenti stanno cercando di capire se il giovane fosse già deceduto al momento di essere travolto dagli altri veicoli

Incidente di Antegnate, rintracciato il camion che ha investito Michele
Pubblicato:
Aggiornato:

Si deve ancora capire la causa che ha portato Michele Luzzardi, 21enne di Castelcovati, ha sbandare con la sua Volkswagen Polo nell'incidente di ieri mattina (mercoledì 10 luglio) intorno alle 4.30 ad Antegnate, nel quale ha perso la vita.

Tifoso e impegnato per la collettività

Nel frattempo, sono in tanti a stringersi attorno alla famiglia del 21enne. Dopo gli studi all'istituto superiore Lorenzo Gigli di Rovato, aveva iniziato a lavorare. Nel tempo libero, oltre a giocare a calcio nella squadra del Csi e seguire il Brescia, di cui era tifoso appassionato, dalla Curva Nord, insieme ai genitori aiutava in parrocchia e al Cre, facendo anche l'animatore al Gruppo estivo.

Rintracciato il camion

Il giovane bresciano potrebbe essere stato colto da un malore o un colpo di sonno, che come ripreso dalle telecamere nel tratto della Brebemi lo avrebbe fatto zigzagare, andare a sbattere con la vettura sui guardrail ai lati opposti, per poi schiantarsi contro il new jersey. Il ragazzo è stato proiettato all'esterno dell'abitacolo, finendo sulla carreggiata. Si dovrà anche accertare se fosse già morto quando era sull'asfalto, oppure ancora in vita, quando è stato travolto da dei veicoli, che però non si sono fermati.

Uno di questi, il primo che lo ha investito quando era a terra, un tir, è stato però individuato grazie a un testimone e alle immagini della targa recuperate dalla polizia stradale. Il mezzo pesante è stato rintracciato a Gorizia e l'autista fermato: ha affermato di non essersi accorto di nulla, una versione che dovrà essere verificata dagli investigatori. In ogni caso, per capire se il ragazzo fosse già deceduto prima del passaggio dell'autoarticolato, si dovrà aspettare il referto dell'autopsia, disposta dalla pm Maria Esposito, dalla quale però difficilmente si riuscirà a chiarire quest'aspetto, date le dinamiche dell'accaduto.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali