Le info del Comune

La prossima settimana la ruota se ne va e cambia la viabilità in Piazza Matteotti

La prossima settimana la ruota se ne va e cambia la viabilità in Piazza Matteotti
Bergamo, 08 Gennaio 2020 ore 10:27

Nonostante le polemiche per il fascicolo d’indagine aperto dalla Procura di Bergamo con ipotesi di reato di turbativa d’asta contro ignoti, mossa resasi necessaria dall’esposto presentato da Orio Zaffanella e dall’associazione di cittadini “Mordilavita”, la ruota panoramica in piazza Matteotti, proprio di fronte al Comune di Bergamo, è piaciuta molto.

Per questo un po’ rattrista la notizia che presto verrà smontata. Ma tant’è: dopo oltre un mese lì, il 12 gennaio la ruota alta ben 32 metri saluterà Bergamo per fare ritorno, forse, l’anno prossimo. Ovviamente i lavori per smontare la grande struttura comporteranno anche un cambio di viabilità nella piazza innanzi a Palazzo Frizzoni: il Comune di Bergamo ha emesso nella serata di martedì 7 gennaio un’ordinanza per regolare, la prossima settimana, l’accesso alla zona del centro città consentendo così le operazioni di smontaggio, anche dell’albero di Natale.

Il provvedimento proibisce il transito dei veicoli e istituisce il divieto di sosta, dalle 00 di lunedì 13 gennaio alle 24 di giovedì 16 gennaio, in piazza Matteotti, tra viale Roma e passaggio Zeduri (quest’ultimo libero al transito) e in via Crispi. Verrà inoltre istituita la svolta obbligatoria a sinistra in uscita dall’area adibita a parcheggio antistante al Palazzo Uffici del Comune per i residenti e gli autorizzati e dal passaggio Zeduri all’intersezione con piazza Matteotti.

I residenti di via Borfuro, via XX Settembre, via Sant’Orsola e gli esercenti delle attività (così come i veicoli adibiti al carico e scarico merci, ma quest’ultimi soltanto negli orari stabiliti per tale attività nelle Ztl), potranno transitare sulla corsia preferenziale di via Tiraboschi con ingresso in passaggio Zeduri.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia