Cronaca
cartolina degradante

Risse e spaccio in stazione, rapine in centro. Ribolla: «Situazione allarmante, controlli insufficienti»

In stazione a farla da padrone sarebbero le bande di spacciatori, protagoniste di risse per il controllo del mercato della droga. Ma problemi di sicurezza emergono anche sul Sentierone

Cronaca Bergamo, 01 Giugno 2021 ore 13:10

La stazione ferroviaria è da anni al centro del dibattito sulla sicurezza in città: non mancano episodi legati allo spaccio o cronache che raccontano di fenomeni di ubriachezza molesta o di liti tra gruppi di extracomunitari.

L’ultima rissa, in ordine di tempo, è avvenuta domenica 30 maggio in piazzale Marconi: qui due uomini di 28 e 26 anni, entrambi di origine somala e già gravati da precedenti di polizia, sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale dopo aver aggredito una pattuglia dei carabinieri intervenuta per sedare una lite tra una ventina di extracomunitari. I militari sono stati colpiti con calci e pugni, ma le contusioni riportate fortunatamente non sono gravi.

Ma tali problematiche legate al controllo del mercato della droga, stando alle segnalazioni arrivate al deputato e consigliere comunale della Lega Alberto Ribolla, sarebbero all’ordine del giorno.

«In stazione commercianti e utenti ci riferiscono che, mentre da un lato stazionano le automobili delle forze dell’ordine, dall’altro gli spacciatori continuano indisturbati la loro opera – osserva Ribolla -. In via Bonomelli e via Paglia lo spaccio è costante ad ogni ora del giorno e della notte. Gli spacciatori si spostano in bicicletta sui marciapiedi rischiando di investire i passanti e i residenti, che si sono difesi installando anche cancellate e barriere. Gli agenti dovrebbero pattugliare il territorio a piedi».

Alla luce di tali denunce la cornice di piazzale Marconi non apparirebbe quindi come la cartolina ideale con cui accogliere le persone che arrivano a Bergamo. Ma problemi di sicurezza ci sarebbero anche nelle zone più centrali della città, visto che ieri un gruppo di ragazzi è stato aggredito e rapinato da una gang di stranieri sul Sentierone, nelle vicinanze di Balzer.

«Ieri pomeriggio sette volanti della Polizia di Stato erano presenti per una retata – aggiunge Ribolla -. Dopo 10 minuti gli spacciatori erano di nuovo sul campo indisturbati. Evidentemente il controllo del territorio non è assolutamente sufficiente ed è necessario intervenire in modo differente. Nonostante il vicesindaco e assessore alla sicurezza dica che non sa più come intervenire, la presenza massiccia di criminalità ha comunque un solo responsabile: il suo partito, il PD, che con la politica delle porte aperte di tanti anni di Governo ha portato ad una situazione insostenibile nelle nostre città».