Che numeri!

Test e tamponi gratuiti a Bergamo, in poche ore già 4.342 prenotazioni (1.600 per lunedì)

Il Comune ha diffuso i dati relativi al primo giorno di raccolta degli appuntamenti per la campagna che prenderà il via il 15 giugno. Tantissime le richieste pervenute fino a ora

Test e tamponi gratuiti a Bergamo, in poche ore già 4.342 prenotazioni (1.600 per lunedì)
Bergamo, 12 Giugno 2020 ore 16:55

La sensazione della mattinata di oggi, venerdì 12 giugno, è diventata conferma poco dopo le 16, quando Palazzo Frizzoni ha reso noti i primi numeri relativi alle prenotazioni per i cinquantamila test sierologici gratuiti (ed eventuali successivi ventimila tamponi, altrettanto gratuiti) da parte dei cittadini bergamaschi: alle 16 erano 4.342 i test già fissati, di cui ben 1.600 per la sola giornata di lunedì.

Ricordiamo che il piano, frutto di un accordo tra Comune di Bergamo, Regione, Ats e svariate realtà private tra laboratori, associazioni, banche e fondazioni, prevede di effettuare duemila test al giorno in quattro diversi punti della città (la palestra della scuola Mazzi in via Fratelli Calvi e quella di via dei Carpinoni, la palestra della scuola Muzio in via San Pietro ai Campi e il foyer del teatro Creberg), nei quali si faranno un massimo di cinquecento test quotidiani, così da evitare assembramenti. I prelievi saranno effettuati dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19. I successivi eventuali tamponi sui positivi alla presenza degli anticorpi, invece, verranno fatti dalle 10 alle 12.

Per prenotare, bisogna registrarsi e accedere alla web app oggicomestai.it, che stamattina, tra le 8.30 e le 10.30, pareva essere andata in tilt per le troppe richieste. Il Comune di Bergamo, invece, ha spiegato: «Dopo la prenotazione n. 1000, questa mattina, sono state svolte verifiche al sistema per constatarne il corretto funzionamento e la web app è stata sospesa momentaneamente, ritornando disponibile poco dopo e processando correttamente tutte le nuove richieste».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia