Economia
Pendolari, leggete qua!

Dall'8 settembre via alle richieste per il "bonus trasporti": fino a 60 euro di sconto

È rivolto a studenti, lavoratori e a chi faccia uso dei mezzi pubblici, purché con reddito sotto i 35 mila euro

Dall'8 settembre via alle richieste per il "bonus trasporti": fino a 60 euro di sconto
Economia 30 Agosto 2022 ore 17:57

C’è chi si è messo al computer sfidando la sorte, con l’acquolina in bocca e l’adrenalina a mille, ma comunque un biglietto per il concerto dei Coldplay non è riuscito ad accaparrarselo. La speranza è che vada diversamente ai pendolari che giovedì 8 settembre si collegheranno sul sito www.bonustrasporti.lavoro.gov.it per dare la caccia al "bonus trasporti".

Da un lato, a differenza dei biglietti per il tour italiano del famoso gruppo, il bonus non si esaurisce; dall’altro, le erogazioni seguono l’ordine di arrivo delle domande. Chi avrà il pollice più veloce otterrà prima l’agognato sconto, che potrà avere un valore massimo di sessanta euro e verrà determinato in base all’importo dell’abbonamento annuale o mensile acquistato. Il buono è valido per l’acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, o per i servizi di trasporto ferroviario nazionale. Restano però esclusi i servizi di 1ª classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

Per le orecchie dei pendolari bergamaschi, abituate ad annunci di improvvise cancellazioni o immancabili ritardi, il buono nazionale suona meglio del live del famoso gruppo britannico. Senza contare l’aumento delle tariffe annunciato da poco da Trenord, che rende i pendolari lombardi ancora più interessati a eventuali abbassamenti dei prezzi. Destinato a chi abbia un reddito sotto i 35mila euro, che si tratti di studenti i di lavoratori, il bonus è stato introdotto nei mesi scorsi dal Governo per attenuare, da un lato, la pressione dei costi sulle famiglie in un momento difficile, dall’altro spostare quote di passeggeri dal trasporto privato a quello pubblico.

Le richieste possono essere effettuate esclusivamente online accedendo con la propria identità digitale, l’ormai immancabile carta d’identità elettronica o Spid con livello di sicurezza due. Per chi sia poco pratico con i computer o con i procedimenti digitali, nulla da fare. La richiesta può essere, a oggi, inoltrata solo via web. In sede di compilazione del form, non vengono richieste documentazioni dell’Isee, ma solo l’autocertificazione attraverso la spunta di un’apposita casella ed è proprio a questo punto che il richiedente deve specificare il gestore del servizio di trasporto presso il quale acquisterà l’abbonamento annuale o mensile. Per fare un esempio: se si fa richiesta per un servizio Atb, il bonus non sarà utilizzabile per Trenord.

Per le famiglie, e soprattutto per i genitori, è utile sapere che il bonus si può chiedere per se stessi o per un minorenne a carico. In questo secondo caso, il genitore dovrà inserire il codice fiscale del figlio beneficiario. Per quanto riguarda i figli maggiorenni, anche se fiscalmente a carico, dovranno provvedere autonomamente alla richiesta del buono tramite proprio Spid. Resta sempre valido il limite del reddito individuale non superiore a 35mila euro. Il buono è di natura nominale e utilizzabile per l’acquisto di un solo abbonamento, annuale o mensile, entro il mese di emissione. L’abbonamento può però iniziare la sua validità anche in un periodo successivo al rilascio del bonus.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter