Il prestigioso traguardo

Seconda stella Michelin per Da Vittorio Shangai. E la famiglia Cerea ora ne ha ben sette

Dopo le tre (storiche) del ristorante bergamasco e le due appena conquistate a Sankt Moritz, anche in Cina è un vero successo

Seconda stella Michelin per Da Vittorio Shangai. E la famiglia Cerea ora ne ha ben sette
21 Ottobre 2020 ore 16:54

«Dopo aver ottenuto la prima stella dopo soli tre mesi dall’apertura, siamo felici di annunciarvi che oggi abbiamo ottenuto la seconda stella Michelin al Da Vittorio Shanghai. Il nostro cielo ora conta ben sette stelle, una soddisfazione e emozione unica!». A darne notizia, sui propri canali social, è stata la famiglia cerea che oltre al ristorante in Cina gestisce anche lo storico ristorante a Brusaporto (3 stelle Michelin) e uno a St. Moritz (2 stelle Michelin conquistate quest’anno).

#DaVittorioShanghai ottiene due stelle dalla Michelin Guide ⭐️⭐️Dopo aver ottenuto la prima stella dopo soli tre mesi…

Pubblicato da Da Vittorio Ristorante su Mercoledì 21 ottobre 2020

Un risultato prestigioso che assume ancor più rilevanza se si considerano le difficoltà vissute dal comparto della ristorazione mondiale a causa della pandemia da Covid-19. A guidare la brigata del locale cinese, composta da 70 professionisti locali e internazionali, vi sono lo chef Stefano Bacchelli, mentre in sala Enrico Guarnieri, trentenne bergamasco premiato come “Miglior emergente di sala nel 2018”.

«Se l’anno scorso la prima stella, a soli tre mesi dall’apertura, ci aveva felicemente sconvolto, oggi questo secondo riconoscimento ci rende ancora più felici – sottolinea la famiglia Cerea -. Soprattutto a margine di un anno così complicato come quello che abbiamo vissuto. Un applauso va a Stefano e a tutti i ragazzi della brigata, perché il loro lavoro nel trasmettere la filosofia di Da Vittorio anche al di fuori dei confini europei è stato eccezionale. L’annuncio è stato emozionante per tutti noi».

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia