La decisione della Lega

Tutta la pallavolo si ferma: Zanetti e Olimpia non giocheranno fino almeno all’1 marzo

Tutta la pallavolo si ferma: Zanetti e Olimpia non giocheranno fino almeno all’1 marzo
24 Febbraio 2020 ore 11:17

La Federazione Italiana Pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A Maschile e Femminile, rendono noto di aver deciso di sospendere l’intera attività pallavolistica nazionale a tutti i livelli fino al 1 marzo compreso. È dunque rinviata a data da destinarsi la gara in programma mercoledì 26 febbraio alle 20.30 al PalaAgnelli di Bergamo tra Zanetti e Il Bisonte Firenze, così come non scenderà in campo l’Olimpia Bergamo, fresca vincitrice della Coppa Italia di A2 maschile contro Brescia.

La Zanetti Bergamo ha reso noto che comunicherà nei prossimi giorni le modalità di rimborso dei biglietti già acquistati nella prevendita online per la sfida contro la formazione fiorentina.

La decisione della sospensione dei campionati è stata assunta al termine di una riunione d’urgenza tenutasi domenica 23 febbraio a Bologna in conseguenza dei diversi provvedimenti che si stanno assumendo in ambito governativo-istituzionale quali le decisioni adottate dai presidenti delle Regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, alle quali si è aggiunta la Regione Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Trento.

I tre organismi, la Federazione e le Leghe maschile e femminile, con la suddetta decisione, intendono porre la massima attenzione alla salvaguardia della salute comune e si impegnano a monitorare costantemente la situazione, riservandosi di prendere ulteriori decisioni e dandone tempestiva comunicazione.

Contemporaneamente, la Fipav invierà una lettera al ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, e al Coni per chiedere quali siano le possibili soluzioni per garantire l’eventuale continuazione delle attività agonistiche, compreso lo svolgimento degli allenamenti.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia