Atalanta
Ultime dall'infermeria

Verso la Lazio, oggi si decide per Toloi e Demiral. Palomino è squalificato (e acciaccato)

Giornata importante al Centro Bortolotti per capire se almeno uno dei due difensori potrà recuperare in vista della sfida di domani (30 ottobre)

Verso la Lazio, oggi si decide per Toloi e Demiral. Palomino è squalificato (e acciaccato)
Atalanta 29 Ottobre 2021 ore 10:00

di Fabio Gennari

È già tempo di rifinitura in casa Atalanta. Dopo la bella vittoria di Genova, gli orobici sono tornati a Bergamo e ieri sono subito tornati in campo per una seduta pomeridiana. Dal Centro Bortolotti non arrivano particolari indicazioni, se non che permane il dubbio sulla possibilità che Toloi e Demiral (o almeno uno dei due) possano tornare a disposizione del tecnico in vista della Lazio. Contro i biancocelesti si gioca domani (sabato 30 ottobre) alle 15 e vista anche la squalifica di Palomino (che è pure affaticato e quindi non sarebbe stato disponibile) la difesa è in grande emergenza.

Sia Toloi che Demiral, stando alle dichiarazioni di Gasperini, già per la gara di Genova avrebbero potuto tornare a disposizione e invece poi sono dovuti restare ancora fermi. I guai muscolari che li tengono ai box non sono gravi, ma con tante partite in così poco tempo è normale che anche solo una settimana di stop ti porti a saltare diversi impegni. Per l'italo-brasiliano lo stop (ricaduta) è arrivato a Empoli (17 ottobre), mentre il turco si è fermato a Manchester (20 ottobre): sono rispettivamente 12 e 9 giorni di lavoro specifico che valgono tre (per Toloi) e due (per Demiral) partite saltate.

La sfida di Marassi ha messo in mostra i giovani talenti Lovato e Scalvini e con de Roon ancora arretrato c'è comunque la possibilità di giocare nuovamente con il 3-4-1-2. Il recupero di almeno uno dei giocatori ai box sarebbe importante, ma con il Manchester sullo sfondo (martedì 2 novembre) non è nemmeno saggio rischiare che un giocatore vada in campo acciaccato e poi si faccia male di nuovo.

Oltre a essere molti i giocatori di movimento in infermeria (ben sette), è abbastanza incredibile che quattro di questi siano concentrati in un reparto solo. Alla sosta di novembre mancano ancora tre partite (oltre a Lazio e Manchester c'è anche Cagliari-Atalanta del prossimo 6 novembre) ed è il momento di stringere tutti i denti: nelle situazioni di massima difficoltà, un gruppo unito e forte come quello dell'Atalanta ha sempre risposto presente e anche stavolta andrà così. Il risultato dipende da tante cose, ma lo spirito sarà quello giusto.