Attualità
Il punto della situazione

Salgono a 18 i casi di vaiolo delle scimmie in Bergamasca (il 4 agosto erano invece 12)

Sale il numero dei contagi. Sono quasi tutti maschi, ma i sintomi non sono preoccupanti. Per questo non è prevista vaccinazione di massa

Salgono a 18 i casi di vaiolo delle scimmie in Bergamasca (il 4 agosto erano invece 12)
Attualità Bergamo, 09 Agosto 2022 ore 18:25

Aumentano ovunque, soprattutto in Lombardia, i casi di vaiolo delle scimmie e anche la Bergamasca non fa eccezione. Il 4 agosto scorso erano dodici i casi confermati al Papa Giovanni XXIII di Bergamo; oggi, martedì 9, sono saliti a diciotto.

L’aggiornamento diffuso dall’assessore regionale al Welfare, nonché vicepresidente, Letizia Moratti parla di 284 casi accertati in tuta Lombardia. La maggior parte di questi è riferita dall’Ats di Milano (202, 71 per cento del totale), seguita a distanza dalle Agenzie di tutela della salute Monza-Brianza e Insubria (19). I dati Ats Bergamo portano la nostra provincia al terzo posto, con i diciotto casi cui se ne aggiungono un paio di bergamaschi che però si trovano fuori provincia.

L’osservazione dei dati porta a sottolineare come siano maggiormente, anzi quasi esclusivamente, colpiti gli uomini, soprattutto quelli tra i trenta e i trentanove anni, che rappresentano il 48 per cento dei casi. La percentuale scende al 28 per cento se si considerano gli uomini dai 40 ai 49. Resta fisso a uno solo il caso di vaiolo delle scimmie su una donna, anche se per quattro casi non viene specificato il genere.

Per quanto riguarda l’origine della malattia, in 180 casi è autoctona, per 77 no e per i restanti a ora non è nota l'origine. In ogni caso, i sintomi continuano a essere lievi e non preoccupanti, con 260 pazienti che riferiscono rash cutanei, 152 febbre, 127 ingrossamento dei linfonodi. La malattia tende a risolversi spontaneamente entro pochi giorni e soltanto in casi eccezionali è richiesta l'ospedalizzazione.

Anche per questo è, al momento, esclusa una vaccinazione di massa. La Lombardia ha a disposizione duemila dosi di vaccino al momento, le prenotazioni apriranno domani alle 12. Al Papa Giovanni sono destinate 140 dosi. QUI potete trovare tutte le informazioni al riguardo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter