Report di mercoledì 20 maggio

Come sta andando la pandemia di Coronavirus nel mondo

Come sta andando la pandemia di Coronavirus nel mondo
20 Maggio 2020 ore 16:59

Mercoledì 20 maggio 2020

di Martino Ongis

Mondo
— Cinque milioni di casi confermati globalmente e quasi 2 milioni di persone che si sono riprese dall’infezione. I decessi accertati sono circa 323 mila.
— Il numero di casi in Brasile ha superato quello del Regno Unito. Nelle ultime 24 ore, il Paese ha riportato un record di nuovi casi (+16.260) e decessi (+1.118). Dopo Stati Uniti e Russia, il Brasile è adesso terzo al mondo per numero di casi.
— Almeno 300 mila persone evacuate nel Bengala Ovest per l’arrivo del super ciclone Amphan.
— Controlli per la temperatura, disinfettanti per mani e distanziamento sociale: la Sud Corea riapre le scuole con nuove norme.
Taiwan riporta zero nuovi casi per il tredicesimo giorno consecutivo. Taipei si è detta «delusa e arrabbiata» per essere stata esclusa dal meeting tra nazioni con l’OMS, aggiungendo che svilupperà un vaccino per se stessa.

Stati Uniti
— Donald Trump ha affermato che è «l’incompetenza cinese», e «nient’altro», che ha causato la morte di migliaia di persone per il Coronavirus.
— In Arkansas, 35 delle 92 persone (38 per cento) che hanno partecipato ad alcune celebrazioni religiose in una chiesa nel periodo 6-11 marzo sono state testate positive al Coronavirus. Tre di queste sono decedute.
— I progressi per la riapertura di New York City non raggiungono ancora gli obiettivi dello Stato e quelli che la città si è imposta. Il sindaco de Blasio ha parlato di metà giugno come possibile data per riaprire parzialmente. Le linee guida richiedono che i ricoveri ospedalieri per Covid-19, il numero di persone in terapia intensiva e la percentuale di persone testate positive scendano per 10-14 giorni consecutivi. Il 16 maggio, gli ospedali hanno ricoverato 57 casi legati a Covid-19, un aumento di 9 rispetto al trend. I pazienti in terapia intensiva sono aumentati da 475 a 492.
— Per la prima volta da inizio marzo, la Bay Area di San Francisco non ha registrato nuovi decessi per Coronavirus per due giorni di fila.
— Gli Oscar del 2021 verranno probabilmente posticipati a causa del caos generato dalla pandemia nell’industria cinematografica, che ha fatto slittare l’uscita di molti film.

Europa
— L’Istituto ufficiale per le statistiche nazionali del Regno Unito ha rivelato che i decessi sono 55 mila in più rispetto alle medie degli ultimi cinque anni. Uno scienziato di Oxford ha predetto che entro la fine di giugno il Regno potrebbe arrivare a registrare giorni senza decessi per Covid-19.
— In Spagna le mascherine saranno obbligatorie in pubblico in ogni luogo in cui il distanziamento sociale non potrà essere garantito.
— In 55 contee della Germania non ci sono stati nuovi casi confermati di Coronavirus negli ultimi 7 giorni.
— L’Islanda riapre ai turisti a giugno, e offrirà test gratis per Covid-19 all’arrivo.
— Cambridge University annuncia tutte le classi online fino all’estate 2021.

Economia
— IHS Markit ha stimato che il danno economico mondiale causato dalla pandemia sarà di circa tre volte quello della crisi economica del 2008.
— Il governo statunitense ha predetto che il PIL calerà del 38 per cento, il calo più significativo nella storia del Paese.
— Inflazione negativa in Canada per la prima volta dalla recessione del 2009.
— Bloomberg riporta che la Svezia sta per affrontare una «crisi economica molto profonda» nonostante non abbia implementato misure severe di distanziamento sociale.
— Solo 2.900 visitatori sono entrati in Giappone ad aprile. Nel Paese è un calo del turismo del 99.9 per cento.

Scienza
— I medici cinesi hanno annunciato che il Coronavirus che ha causato un focolaio nel nordest del Paese è diverso da quello originale di Wuhan. In particolare, i pazienti sembrano rimanere infetti più a lungo. Il dato suggerisce che l’agente patogeno potrebbe cambiare in modi sconosciuti, complicando gli sforzi per eliminarlo.
— Al 28 aprile, almeno 40 mila persone sono state ospedalizzate a New York City per Covid-19. Un nuovo studio pubblicato su The Lancet ha analizzato i dati di due ospedali della città su un campione di 257 pazienti gravi: 39 per cento sono deceduti, 37 per cento sono ancora in ospedale, 79 per cento hanno avuto bisogno di un respiratore automatico, e 25 per cento sono sotto i 50 anni. I fattori di rischio, in ordine di rilevanza statistica: (1) malattie polmonari croniche, (2) ipertensione, (3) malattie cardiache croniche, (4) diabete, (5) malattie renali croniche, (6) età, a cui seguono altri fattori.
— Circa un terzo dei decessi nel Regno Unito sono stati associati al diabete. Le persone con il diabete di tipo 1, la forma autoimmune della malattia, sono tre volte e mezzo più a rischio di morire per Covid-19 delle persone senza il diabete, mentre le persone con diabete di tipo 2, quello associato con obesità, hanno il doppio del rischio delle persone senza diabete.
— Uno studio sul genoma del Coronavirus ha dimostrato che il 70 per cento dei casi confermati in Israele proviene dagli Stati Uniti.
— Secondo un gruppo di ricercatori dell’Università di Helsinki, alcuni cani possono essere addestrati per rintracciare il Coronavirus con risultati affidabili.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia