Bilancio della Polizia locale a Bergamo

Con il Covid calano reati e arresti: 473 multe su oltre 150mila controlli. In arrivo le unità di quartiere

Da marzo sono state controllate 146.981 persone e ne sono state sanzionate 448. Verifiche in 5.499 esercizi commerciali, sanzionati in 25. Previsto l'arrivo anche di un secondo cane anti droga

Con il Covid calano reati e arresti: 473 multe su oltre 150mila controlli. In arrivo le unità di quartiere
Cronaca Bergamo, 04 Febbraio 2021 ore 17:24

Dal 10 marzo al 31 dicembre, per garantire il rispetto delle norme anti-Covid, sono state controllate 146.981 persone e ne sono state sanzionate 448. Inoltre, sono state effettuate verifiche in 5.499 esercizi commerciali, dei quali 25 sono stati sanzionati. È parte dell’attività svolta nel 2020 dal corpo di polizia locale di Bergamo; numeri ai quali devono essere aggiunti anche i controlli effettuati dalla polizia di Stato, dai carabinieri e dalla guardia di finanza.

L’anno che si è appena concluso ha stravolto le mansioni tradizionali degli agenti, i quali non si sono limitati soltanto a verificare il rispetto delle normative. Grazie alla collaborazione del gruppo comunale di Protezione civile è stata creata una vera e propria rete di supporto per la raccolta, lo stoccaggio e la distribuzione di mascherine, guanti, camici e visiere a cittadini e strutture sanitarie. La polizia locale ha anche aiutato i volontari di BergamoXBergamo nella distribuzione dei pasti, dei buoni spesa e delle medicine ai cittadini più deboli.

I pattugliamenti nei quartieri

Nonostante l’enorme mole di controlli, la presenza della polizia locale nelle aree più delicate della città è stata costante, mantenendo, se non superando, i livelli del 2018. Le ore di presidio del territorio sono state oltre 7 mila. Di queste oltre 2 mila nell’area della stazione ferroviaria, 1.100 ore tra via Bonomelli, via Paglia e via Quarenghi e, infine, oltre 1.300 tra la Malpensata e Colognola.

Il bilancio del 2020

A Bergamo diminuiscono sia il numero di reati sia quello degli arresti, nel complesso 13. In linea con il 2019 è invece il numero di sequestri: in totale la polizia locale ha eseguito 76 sequestri di sostanze stupefacenti, grazie anche al supporto dato da Tenai, primo cane antidroga della storia del comando di via Coghetti, entrato in servizio il 20 dicembre.

Inoltre, sono stati sequestrati anche 7 documenti falsi (oltre a un contrassegno per disabili), 2 velocipedi, 1 gruppo elettrogeno, 12 sim card ricaricabili e, da ultimo, sono stati eseguiti 2 sequestri di merce contraffatta.

Sulla scia degli anni precedenti sono continuate anche le verifiche del rispetto del regolamento contro la ludopatia. In totale sono stati effettuati 96 controlli, ma elevata solo una sanzione per mancata osservanza degli orari stabiliti. Insieme alla Direzione territoriale del lavoro sono stati eseguiti accertamenti su 29 attività: 7 le imprese irregolari, di cui 2 hanno ricevuto un provvedimento di sospensione, mentre sono stati scoperti 7 lavoratori in nero.

Violazioni al codice della strada

Le violazioni accertate dagli agenti sono state 43.056, di cui 34.618 riferite alla sosta. I bergamaschi che hanno ignorato le Ztl sono stati invece 46.831. Fortunatamente, negli ultimi dodici mesi sono calati gli incidenti mortali: nel 2020 se ne sono verificati soltanto 3, la metà rispetto al 2019, così come 600 in meno sono stati gli incidenti rilevati durante tutto l’arco dell’anno scorso.

Segnalazioni triplicate

Le telefonate ricevute dalla polizia locale sono state oltre 30 mila, circa 3 volte in più rispetto al passato, la maggior parte delle quali per chiedere chiarimenti sulle disposizioni regionali e nazionali anti-Covid. Inoltre, sono più che raddoppiate le segnalazioni attraverso l’applicazione 1SAFE, schizzate da 600 a oltre 1400.

In città sbarcano i droni

Quattro agenti frequenteranno nelle prossime settimane il corso per il conseguimento dell’attestato di pilota Apr. Il drone sarà utilizzato nelle operazioni critiche, in quelli che si definiscono “scenari di protezione civile”, così come per eseguire controlli di sicurezza nei parchi e nelle aree più a rischio della città, o per far luce su possibili situazioni di abusi edilizi. Il Comune ha poi stanziato fondi per i quartieri del centro Papa Giovanni e della Malpensata che hanno più di 10 unità abitative, funzionali all’installazione di sistemi di sicurezza.

Gli obiettivi per il 2021

Il Comune è innanzitutto impegnato nella realizzazione del sistema di lettura delle targhe. Grazie alle telecamere che saranno presenti nei 10 portali presenti agli ingressi della città si potranno monitorare tutti i veicoli in entrata e uscita dal territorio. Collegandosi alle banche dati la Polizia Locale potrà sanzionare i veicoli sprovvisti di assicurazione, di revisione o fermare le automobili rubate.

Anche il sistema di videosorveglianza sarà ampliato: è stata deliberata l’installazione di 53 nuovi impianti (per un totale di 160 in città) e sono state individuate le postazioni dei primi 28 che dovranno essere realizzati nel 2021.

Infine, verranno attivate le unità mobili di quartiere: 4 agenti presidieranno i quartieri e saranno a disposizione dei cittadini per segnalazioni o per sporgere eventuali denunce. «È la vera sfida del 2021 – commenta il comandante Gabriella Messina - siamo pronti a metterle in campo nelle prossime settimane, costruendo così un punto di riferimento riconoscibile in città».

«Vorrei ringraziare la Polizia Locale per il grande lavoro svolto – commenta il vicesindaco e assessore alla sicurezza Sergio Gandi –. Il reperimento dei dispositivi di protezione, i controlli delle disposizioni anti-Covid, ma soprattutto il supporto alla cittadinanza hanno caratterizzato il 2020. Nonostante questo impegno gravoso, ma soprattutto prezioso, tutte le attività tradizionali sono però proseguite Nel 2021 continueremo a lavorare con impegno: abbiamo già preparato il nuovo concorso per l’assunzione di altri 20 agenti e pensiamo di raddoppiare le unità cinofile in dotazione al comando».